Io sento dentro di me....
... cento persone diverse ...
... una moltitudine di esseri ...
... ciascuno dei quali ...
... vorrebbe operare a modo suo….

Ed ecco che ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare
mi porto un po' della tua ghiaia
un po' del tuo sale azzurro
un po' della tua infinità
e un pochino della tua luce
e della tua infelicità.
Ci hai saputo dire molte cose
sul tuo destino di mare
eccoci ora con un po' più di speranza
eccoci con un po' più di saggezza
e ce ne andiamo come siamo venuti,
arrivederci fratello mare.
(Nazim Hikmet)

 

Copyright 2018 Franca Errani by Barbara